TI TROVI: / CiviBank: tassi attivi e più credito al Territorio
16 OTTOBRE 2019

CiviBank: tassi attivi e più credito al Territorio

L’istituto cividalese lancia il conto deposito "Crescendo" con tassi sino al 2%

 

UDINE – Civibank non applicherà in alcun modo tassi negativi sui depositi consapevole del valore del risparmio e della necessità della sua tutela. Anzi,  la banca cividalese presieduta da Michela Del Piero ha lanciato in questi giorni il conto deposito ‘Crescendo’ che riconosce tassi attivi fino al 2% sul capitale versato. Un’iniziativa che va in direzione opposta a certi orientamenti creditizi volti ad introdurre in Italia tassi negativi sui depositi pur di una certa consistenza. Col nuovo strumento di risparmio CiviBank dimostra concretamente di mantenere una linea attenta e sensibile alla tutela del risparmio che costituisce il primo asset economico del Paese e del Nordest in particolare.

Inoltre, la banca friulana non ha praticato alcuna stretta creditizia nel 2019 tanto è vero che nei soli primi sei mesi dell’anno i nuovi impieghi all’economia territoriale ammontano a 283 milioni di euro (+ 31,8% su base annua): in particolare 101 milioni sono stati rivolti alle famiglie e ai privati (+ 36,7%) e 182 milioni sono andati alle imprese (+ 29,2%).

Operativa in otto province del Friuli VG e del Veneto orientale, la Banca di  Cividale, uno dei pochi istituti rimasti autonomi a Nordest, continua a fornire supporto all’economia del territorio e a distinguersi per radicamento e incisività nelle realtà locali per ottemperare alla sua ‘mission’ di banca di prossimità. 

A seguito dei provvedimenti governativi volti a facilitare i pagamenti elettronici ad ogni livello per ridurre la circolarità del contante, inoltre, CiviBank, da tempo attrezzata su questo fronte, è in grado di mettere a disposizione di aziende e professionisti strumenti evoluti come lo smart Pos di Nexi per gestire tutti i pagamenti, anche digitali e, nella sua versione cassa integra anche il registratore di cassa e la stampante fiscale. Non si tratta di semplici Pos ma di tablet implementabili con app e software continuamente aggiornati.

 
Stampa la pagina
Twitter
Like Facebook
Google Plus