TI TROVI: / CiviBank dona alla Libertas Basket School di Udine un defibrillatore
09 APRILE 2019

CiviBank dona alla Libertas Basket School di Udine un defibrillatore

UDINE – Non solo ha sostenuto il progetto PINK Sport Project che mette in rete due movimenti sportivi al femminile, al top dell'agonismo in Friuli, come la Libertas Basket School di Udine e la Polisportiva Libertas Martignacco, entrambe militanti in serie A2 rispettivamente nella pallacanestro e nella pallavolo, ma ha pure voluto donare un defibrillatore al presidente della formazione cestistica udinese Leonardo de Biase. CiviBank continua così il suo impegno territoriale  a favore delle associazioni sportive fornendo loro anche un indispensabile strumento di prevenzione e pronto soccorso come il defibrillatore. Si tratta di un dispositivo in grado di effettuare la defibrillazione delle pareti muscolari del cuore in maniera sicura, dal momento che è dotato di sensori per riconoscere eventuali sintomi di arresto cardiaco. L’apparecchiatura, in questo caso, è andata alla Libertas Basket School di Udine, società nata nel 2013 che, oltre a contare sulla prima squadra tra le più quotate in campo nazionale, vanta un nutrito vivaio con squadre Esordienti, Under 13, Under 14 e Under 17. E' stato il vicepresidente di CiviiBank avv. Guglielmo Pelizzo a procedere alla consegna dell'apparecchiatura dopo aver tenuto a battesimo il PINK Sport Project che mette in sinergia le due realtà sportive femminili, che rappresentano più di 12 mila atlete iscritte ai centri sportivi Libertas in Friuli VG, nel corso di una cerimonia svoltasi negli stabilimenti della Delser di Martignacco.

L’iniziativa si inserisce in un più vasto contesto che ha visto CiviBank consegnare una ventina di defibrillatori in due anni a vari comuni del Friuli (Savogna, Tavagnacco, S. Giovanni al Natisone, Pavia di Udine, Gemona, Grimacco, Pulfero, Drenchia, Remanzacco, Prepotto, Povoletto, Attimis, San Pietro e Campoformido).  La formazione all’uso del defibrillatore ha coinvolto  decine di volontari iscritti all’apposito albo del 118. 

L’acquisto dei defibrillatori è avvenuto con le risorse che tradizionalmente la banca riservava all’omaggistica natalizia, ora destinate invece a intraprendere questa iniziativa di alto valore etico e sociale, ha precisato il vicepresidente Pelizzo.

 
Stampa la pagina
Twitter
Like Facebook
Google Plus